17APR 2012 a milano c’è il salone del mobile e qui cenate a tutto design 17APR 2012 milan furniture fair is the here and dine all design

Non è un nuovo indirizzo, ma Pane e Acqua è certamente il ristorante giusto dove prenotare un tavolo durante il Salone del Mobile di Milano. Di sicuro vi troverete seduti fianco a fianco con Rossana Orlandi (è lei che ha voluto questo ristorante a un passo dalla sua galleria), ma ci sono buone chance di incrociare altri nomi del design che è in mostra in città, perché questo è il ristorante milanese più stiloso e apprezzato dai creativi. D’altronde è firmato Paola Navone.
UN PO’ DI STORIA: Era una vecchia tabbaccheria, rilevata da Rossana Orlandi che lì a fianco anima il famosissimo tempio del design Spazio Rossana OrlandiNasce nel 2007 e a volerlo è proprio lei, Rossana, che desiderava un luogo conviviale accanto alla sua galleria, così che i suoi clienti, gli amanti dell’arte, gli appassionati di design e delle belle cose, potessero sedersi a un tavolo di tutto rispetto e gustare una cucina creativa di qualità.
SEGNI PARTICOLARI: Ce ne sono tanti. Partiamo dagli arredi che periodicamente variano, infatti, i tavoli, le sedie, i complementi e altri suppellettili arrivano dritti dritti dallo Spazio a fianco, e naturalmente possono essere acquistati. Compresi piatti, bicchieri, scodelle e forchette…. insomma si trova proprio tutto per ricreare a casa propria lo stesso stile. Passiamo per la cucina, fiore all’occhiello di Pane e Acqua è il suo chef Francesco Passalacqua: di origini piemontesi (arriva da Alba, la patria del tartufo bianco) si ispira alle ricette tradizionali sia della sua regione che di altre parti d’Italia. La sua caratteristica è proprio l’interpretazione personale e creativa delle ricette più classiche della nostra tradizione. Tre le sue parole guida ai fornelli: semplicità, stagionalità e fantasia. Da poco è uscito un suo libro di ricette, sempre, per chi volesse riprodurre Pane e Acqua a casa propria (La cucina delle stagioni in città). Arriviamo al nome: Pane e Acqua pare che sia dovuto alla stretta vicinanza con il carcere San Vittore; e finiamo con i menu: inseriti tra le pagine di noti romanzi. Bella idea.
L’ATMOSFERA: Vecchie sedie sverniciate, opere d’arte alle pareti che ben si mischiano insieme a decori originali lasciati così com’erano e a mobili di recupero industriale. Il ristorante è tutto lì in due piccole sale (35 coperti in totale) che non fanno pesare la ricercatezza dei pezzi d’arredo, anzi la sensazione è di totale informalità. L’ambiente è sempre molto internazionale e creativo.
IDEALE PER: E’ molto piacevole trascorrere una serata qui:l’ideale è venirci in coppia, anche perché i tavoli sono piccoli e pochi, e per la disposizione del ristorante e degli spazi le tavolate parrebbero non armonizzarsi bene. Non disdegnate il pranzo con un’amico, piatto unico con calice di vino, acqua e dessert (18 euro).
IL LOOK GIUSTO: Domina il colore nero degli abiti, degli accessori e degli occhiali da vista squadrati di più della metà dei frequentatori, quindi direi che il look giusto è quello da architetto/designer: forme geometriche nelle linee degli abiti, accessori importanti e vistosi (meglio se fabbricati con materie povere), nero dominante. Scarpe basse, preferibili dal taglio maschile soprattutto se indossate da donne.
PREZZI&CANTINA: Il menu degustazione è di 55 euro e assaggi un po’ di tutto per farti un’idea più concreta della creatività ai fornelli di Francesco Passalacqua. Menu à la carte, 50 euro circa, bevande escluse. Faccio una personale standing ovation per i dolci. C’è una sperimentazione negli accostamenti di ingredienti che raggiunge la perfezione (io ho provato la crema alla carota, mandorla e gelato all’olio extra vergine e zafferano). Anche la carta dei vini è molto curata, è presente infatti un’alta concetrazione di vini naturali italiani e non.

 

 

There is a new address, but bread and water is certainly the right place to book a restaurant table during the Salone del Mobile in Milan. Surely you are sitting side by side with Rossana Orlandi (is she who wanted this restaurant one step away from her gallery), but there are good chances to cross other names of the design is on display in the city, because this is the restaurant Milan appreciated by the most stylish and creative. Anyway, it is signed Paola Navone.

SOME ‘OF HISTORY: It was an old tabbaccheria, detected by Rossana Orlandi there next to the famous temple of the soul Spazio Rossana Orlandi design. He was born in 2007 and want is you, Roxana, who wanted a convivial place next to his gallery, so that its customers, lovers of art, design enthusiasts and beautiful things, they could sit at a table of all respect and enjoy creative cuisine of quality.

DISTINGUISHING MARKS: There are so many. We start with the furnishings that vary periodically, in fact, tables, chairs, accessories and other household goods arrive from space next to you straight, and of course can be purchased. Including plates, cups, plates and forks …. in short, everything is right at home to recreate the same style. Passing through the kitchen, the pride of Bread and Water is its chef Francesco Passalacqua: of Piedmontese origin (coming from Alba, home of the white truffle) is inspired by traditional recipes is in his region to other parts of Italy . Its characteristic is the creative and personal interpretation of the classic recipes of our tradition.Three words that drive her to the kitchen: simple, seasonal and fantasy. Has recently released a book of recipes, always, for those who want to play Bread and water at home (cooking of the seasons in the city). We arrive at the name: Bread and Water seems to be due to the close proximity to the San Vittore prison, and we end up with the menu: inserted between the pages of famous novels. Good idea.

ATMOSPHERE: Old chairs stripped, works of art on the walls and mix well with an original decoration left as they were mobile and industrial recovery. The restaurant is all there in two small rooms (35 seats in total) that do not weigh the sophisticated pieces of furniture, even the sensation of total informality. The atmosphere is always very creative and internationally.

IDEAL FOR: It ‘s very pleasant to spend an evening here: the ideal is to come in pairs, because the tables are small and few, and for the provision of restaurant space and the tables would seem to not blend well. Never look down lunch with a friend, complete meal with a glass of wine, water and dessert (18 euros).

THE RIGHT LOOK: The color black dominates the clothes, accessories and eyeglass square by more than half of the patrons, so I would say that the right look is an architect / designer: geometric shapes in lines of clothing, accessories and showy important (preferably made of poor materials), dominant black. Flat shoes, preferable male cut especially if worn by women.

PRICES & WINERY: The tasting menu is 55 euros and tasting a little ‘everything to make you a better idea of creativity in the kitchen of Francesco Passalacqua. A la carte menu, 50 euros, excluding drinks. I make a personal standing ovation for sweets. There is an experiment in the combinations of ingredients that reaches perfection (I tried the carrot cream, almond cream and extra virgin olive oil and saffron). Even the wine list is excellent, there is indeed a high concentration of natural wines Italian or otherwise.

 

 

 

2 thoughts on “17APR 2012 a milano c’è il salone del mobile e qui cenate a tutto design 17APR 2012 milan furniture fair is the here and dine all design

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...